Scheda informativa del Brasile

Capitale: Brasilia
Popolazione: 192 milioni di abitanti circa
Superficie: 8.514.876,6 Km²
Fuso orario:varia secondo l’andamento dell’ora ufficiale nei diversi Stati della Federazione. Orientativamente, nelle principali città (Brasilia, Rio de Janeiro, San Paolo, Porto Alegre, Curitiba, Fortaleza e Belo Horizonte) la differenza di orario con l’Italia è: dal mese di ottobre a febbraio di -3h; nel mese di marzo di – 4h; dal mese di aprile ad ottobre di -5h rispetto all’Italia. In Brasile ci sono quattro fusi orari che vanno dall’Arcipelago di Fernando de Noronha (estremo est) ai confini con il Perú.
Lingue: portoghese; (luso-brasiliano)
Religioni: la confessione più diffusa è il cattolicesimo. Sono presenti, inoltre, chiese protestanti e numerose sette evangeliche e, come caratteristica tipica del Brasile, sono diffusi culti e pratiche religiose che uniscono elementi di tradizione cristiana a quelli di tradizione africana (principalmente nel Nord Est del Paese ed in particolare nello Stato di Bahia).
Moneta: Real
Prefisso per l’Italia: 00 (inserire il prefisso dell’operatore brasiliano: 21, 15, 41, 17, 14, 39
Prefisso dall’Italia: 0055 più il prefisso della località brasiliana senza lo zero.
Telefonia: le reti GSM e TDMA sono disponibili nella maggior parte degli stati del Brasile. Telefoni mobili e da vettura: proibito l’uso del telefono cellulare durante la guida.

Clima
Prevalentemente tropicale ma esistono sei tipi di clima con stagioni invertite rispetto all’emisfero boreale.
Clima equatoriale: si riscontra in Amazzonia, nella parte settentrionale del Mato Grosso e nella parte occidentale del Maranhão. Le principali caratteristiche sono temperature medie elevate (25ºC a 27ºC), piogge abbondanti con indici vicini ai 2.000mm/anno ben distribuiti durante l’anno; l’escursione termica è ridotta e non supera i 3ºC. L’umidità è elevata.

Clima tropicale: interessa tutto il Brasile centrale, la parte orientale del Maranhão, il Piauí, la parte occidentale di Bahia e di Minas Gerais e Roraima. È caratterizzato da temperature elevate (18ºC a 28ºC) con escursione termica da 5ºC a 7ºC e stagioni ben definite, una delle piogge (che coincide con l’estate) ed una secca (che coincide con l’inverno). Presenta un indice pluviometrico pari a circa 500mm/anno con forti differenze stagionali.

Tropicale di altitudine: interessa le parti più alte, fra gli 800m e i 1.000m dell’Altopiano Atlantico del sud-ovest e comprende parte degli Stati di São Paulo, Minas Gerais, Goiás, il Distretto Federale, Rio de Janeiro, Espírito Santo e nord del Paranà. Subisce l’influenza del blocco di aria tropicale atlantica che provoca piogge durante l’estate. Presenta temperature fra i 18ºC ed i 22ºC ed un’escursione termica fra i 7ºC ed i 9º C.

Tropicale atlantico o tropicale umido: si estende lungo tutta la fascia litoranea del Rio Grande del Nord al Paraná. Subisce l’azione diretta del blocco tropicale atlantico, che essendo caldo e umido, provoca piogge intense. La variazione di temperatura oscilla tra i 18ºC ed i 26ºC e l’escursione termica aumenta progressivamente spostandosi verso sud. A nord-est si registra una maggior concentrazione di piogge durante l’inverno e a sud-ovest durante l’estate. L’indice pluviometrico medio è di 2.000 mm/anno.

Subtropicale: si trova nelle latitudini inferiori al Tropico di Capricorno, nella parte meridionale dello Stato di São Paulo, nella maggior parte del Paraná, Santa Catarina e Rio Grande del Sud. Le temperature medie sono di 18ºC e l’escursione termica è elevata (10ºC). Le piogge sono poco intense 1.000mm/anno e ben distribuite durante l’anno. Le stagioni sono ben definite: estate calda, fino a 30º, e inverno freddo, 0ºC; primavera ed autunno hanno una temperatura media fra 12ºC e 18ºC.

Semiarido: tipico dell’interno del nord-est, nella regione conosciuta come Poligono della Secca, che corrisponde a quasi tutto il “sertão” nordestino ed alle vallate medio inferiori del fiume São Francisco. Le temperature sono elevate (in media 27ºC) e le piogge sono scarse (in torno ai 750mm/anno).

INFORMAZIONI GENERALI
Documentazione necessaria all’ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

VISTO D’INGRESSO: per viaggi d’affari/turismo non è necessario richiedere il visto. All’ingresso nel Paese la Polizia Federale locale appone sul passaporto un timbro di entrata che permette fino a 90 giorni a semestre di permanenza. Per viaggi d’affari/turismo le autorità brasiliane richiedono il possesso del biglietto aereo di andata e ritorno.

Formalità valutarie e doganali: le somme importate che superano i R$ 10.000,00 (approssimativamente 4.400 Euro) vanno dichiarate su apposito formulario all’entrata nel Paese. Il cambio è libero e si effettua senza problemi presso gli sportelli di cambio, presenti anche nei maggiori alberghi e presso le agenzie bancarie.

SICUREZZA
La situazione della sicurezza varia secondo le zone del Paese e delle aree di una medesima località (es. centro cittadino, periferie urbane, campagne).
Zone a rischio: é molto pericoloso visitare le zone periferiche delle grandi città ed in particolare le cosiddette “favelas”.

Zone di cautela:
a) le aree interne ed in particolare la regione amazzonica richiedono un’informazione specifica da parte del turista, soprattutto se si intende visitarle senza la guida di un tour organizzato. E’ comunque necessario essere sempre accompagnati da una guida esperta se si vogliono visitare zone distanti da centri abitati. La stessa raccomandazione vale per visite nel “Pantanal” del Mato Grosso.

b) le grandi città (San Paolo, Rio de Janeiro, Fortaleza, Recife Salvador ecc.) richiedono cautela a causa della diffusa delinquenza di strada e nelle spiagge (furti e rapine), che prende di mira prevalentemente turisti a volte anche in ore diurne ed in luoghi centrali, incluse le zone prossime ai grandi alberghi e le stesse spiagge. Possono verificarsi anche sequestri lampo per estorsione. Si ricorda che vi sono alcuni periodi dell’anno che richiedono una particolare attenzione. In alcune città (Rio de Janeiro, Salvador, San Paolo, Recife) deve essere adottata particolare cautela nel periodo di Carnevale. Accanto ad eventi culturali e festivi di grande rilievo e bellezza si possono verificare atti di delinquenza a danno dei turisti. Si consiglia pertanto di evitare di esibire valori (denaro, gioielli, orologi costosi, come anche il passaporto) o di tenere in mostra oggetti come macchine fotografiche, borse, portafogli, ecc. In generale, il trasporto in taxi é più sicuro ed é preferibile all’uso dei mezzi pubblici. Il resto del Paese può essere visitato adottando le normali precauzioni.

Avvertenze
Sul piano della sicurezza, si sottolinea anche il crescente pericolo derivante dal traffico di stupefacenti. La Polizia reagisce con particolare severità anche nei confronti degli stranieri coinvolti. E’ bene evitare l’acquisto di pappagalli, scimmie o altri. Il rischio che si corre, nei casi di accusa di contrabbando di specie protette, è la detenzione.

Normativa prevista per uso e/o traffico e spaccio di stupefacenti: per quanto riguarda l’uso, il traffico e lo spaccio di stupefacenti, la normativa é molto severa. Per lo spaccio ed il traffico internazionale, le pene sono pesanti e vanno da un minimo di cinque ad un massimo di dieci anni di reclusione. Per l’uso e la detenzione di piccole dosi sono previste pene detentive minori secondo i casi.

Normativa prevista per sfruttamento sessuale dei minori: la normativa locale in materia di repressione del turismo sessuale è molto severa e prevede pesanti pene detentive. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione), secondo la legge italiana, vengono comunque perseguiti al rientro in Italia. In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.

SANITÀ
Le strutture sanitarie pubbliche sono generalmente carenti, soprattutto nelle regioni del nord, nord-est e centro-ovest del Brasile; quelle private, soprattutto nei principali centri del Paese, sono invece in genere soddisfacenti.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese.
Considerato l’elevato costo delle strutture ospedaliere private, si raccomanda, inoltre, di controllare che la copertura prevista dall’assicurazione sanitaria stipulata al momento della partenza sia illimitata. Si consiglia infine di portare con sé i propri medicinali in caso di problemi medici.

Avvertenze
Nelle zone interne della regione amazzonica e del Pantanal sono presenti malattie endemiche come la malaria e la dengue. In particolare esiste un alto rischio di contrarre la malaria nella maggior parte delle aree forestali al di sotto di 900 m degli Stati di Acre, Amapá, Amazonas, ovest del Maranhão, nord del Mato Grosso, Pará (ad eccezione della città di Belém), Rondônia, Roraima e ovest del Tocantins. È pertanto consigliata un’adeguata profilassi antimalarica.

L’AIDS è molto diffuso. Si raccomandano pertanto le precauzioni del caso.
Le Autorità sanitarie nazionali brasiliane raccomandano di effettuare la vaccinazione contro la febbre gialla, previo parere medico, almeno dieci giorni prima del viaggio, a coloro che si recano nelle seguenti aree: l’intero territorio degli Stati Federali di Acre, Amapá, Amazonas, Distrito Federal, Goiás, Maranhão, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Minas Gerais, Pará, Rondônia, Roraima e Tocatins; tutti i municipi localizzati nell’ovest e nel sud di Bahia, nel nord dello Espírito Santo, nel sud del Piauí, nel nord-ovest di São Paulo e nell’ovest del Paraná, di Santa Catarina e del Rio Grande do Sul.
Non c’è rischio di contrarre la febbre gialla nelle aree costiere degli Stati di Alagoas, Bahia, Ceará, Espírito Santo, Paraíba, Paraná, Pernambuco, Piauí, Rio Grande do Norte, Rio Grande do Sul, Santa Catarina, São Paulo and Sergipe.
Si segnala inoltre che è richiesto un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per i visitatori in arrivo da Paesi a rischio di trasmissione della malattia, ad eccezione dei bambini fino a 9 mesi di età e di coloro che dispongono di una dispensa dal vaccino per motivi medici.
In costante aumento in gran parte del Paese, compresa la capitale Brasilia, i casi di febbre dengue, in modo particolare nelle zone costiere del Nord Est. Il periodo in cui il rischio di contrazione della malattia è più elevato è compreso tra i mesi di gennaio e maggio.
Qualora si dovessero registrare sintomi tipici del dengue, come febbre, pesantezza, dolore di testa, dolori ossei e nausea, occorre rivolgersi immediatamente a un ospedale. Non bisogna assumere alcuna medicina prima di aver consultato un medico, e soprattutto non bisogna assumere aspirina o farmaci a base di acido acetilsalicilico.

A tale proposito si ricordano anche alcune precauzioni. In particolare, si consiglia di:
• alloggiare in luoghi in cui vi siano zanzariere intorno ai letti e alle finestre;
• utilizzare prodotti repellenti ad applicazione topica (spray, pomate, creme, ecc.) e indossare indumenti che coprano braccia e gambe;
• fare uso di apparecchi elettrici per la protezione di singoli ambienti.

Si consiglia inoltre di assumere una compressa al giorno di “COMPLESSO B”, contenente vitamine che vengono espulse per via cutanea e che allontanano le zanzare (le zanzare tendono a pungere soprattutto all’imbrunire ed all’alba, ma il rischio è costante). La zanzara Aedes aegypti, portatrice dei virus, prolifera negli specchi d’acqua. Si raccomanda pertanto di evitare pozze o bacini (in particolare di acqua stagnante) e di gettare recipienti vuoti.
Al fine di evitare sindromi dissenteriche di vario tipo‚ si consiglia di seguire le elementari norme igieniche (non bere acqua corrente, assicurarsi di mangiare cibo di qualità e solo se ben cotto).

VIABILITÀ (a cura dell’ACI)
Patente
Ai cittadini italiani, maggiorenni e in possesso di una patente di guida italiana in corso di validità, è consentito guidare un veicolo a motore per un periodo massimo di 180 giorni (dalla data di ingresso in Brasile). Per ottenere il riconoscimento della propria patente è tuttavia necessario recarsi presso un ufficio del DETRAN (Departamento de Trânsito), muniti di patente di guida accompagnata dalla rispettiva traduzione giurata e un documento d’identificazione.
Molto severa è la normativa brasiliana sulla guida in stato di ebbrezza (la “lei seca” prevede la punibilità anche per la minima presenza di alcol) e sui limiti di velocità, oggetto di diffuso controllo (soprattutto nelle città) per mezzo di rilevatori elettronici.

Assicurazione auto
RC obbligatoria.


Assicurazioni estere accettate: per essere valida, l’assicurazione di responsabilità civile per i turisti deve contenere la seguente dicitura: “Valida per il Brasile” (Valid for Brazil); tale assicurazione deve essere emessa da una compagnia di assicurazioni rappresentata in Brasile. Si consiglia a chi guida all’estero una vettura non propria di farsi fare dal proprietario dell’autovettura una “delega a condurre” con firma autenticata presso un notaio.

Collegamenti internazionali: buoni; sono presenti le maggiori compagnie aeree. L’Alitalia ha un collegamento diretto San Paolo-Roma (sette voli settimanali) e, da giugno 2011, Rio – Roma. La compagnia aerea brasiliana TAM effettua voli diretti San Paolo-Milano tutti i giorni della settimana. La compagnia portoghese TAP effettua voli giornalieri da Brasilia per l’Italia via Lisbona.

Trasporti interni
I collegamenti all’interno del Brasile, considerate le grandi distanze fra le varie città, si effettuano generalmente per via aerea. La rete stradale non è in buone condizioni e, poiché il trasporto delle merci avviene generalmente su strada, è abbastanza pericoloso spostarsi in auto.

Fonte:www.viaggiaresicuri.it