Con i riflettori accesi sull’isola di Kos, principale destinazione turistica Ellenica, di fronte al problema dei flussi migratori dalla costa turca, il sindaco dell’isola, Signor George Kyritsis ha rilasciato la seguente dichiarazione:
“L’ultimo periodo, l’isola di KOS, ha accolto rifugiati e migranti alla ricerca di una via d’uscita in Europa, attraverso la Grecia.

Il problema del controllo e della gestione dei flussi migratori è Europeo, e supera le capacità di una piccola isola come Kos. Tuttavia, con gli sforzi coordinati delle autorità, dei cittadini, degli imprenditori del turismo, e non solo, siamo riusciti, per sette mesi, di fornire assistenza e sostegno agli immigrati, per far convivere in armonia TURISMO e SOLIDARIETA, senza sconvolgere la serenità delle vacanze dei nostri ospiti.

Gli ultimi giorni, nel tentativo del Comune dell’isola di alleggerire la città di Kos dal flusso immigratorio e facilitare il processo d’identificazione, si è deciso di trasferire i rifugiati al vecchio stadio della città, dove si è costituito anche il quartier generale per risolvere in modo migliore i lavori dell’identificazione.

Questa soluzione era ed è temporanea, avrà una durata di pochi giorni visto che si è trovato il modo per la loro partenza immediata dall’isola.
Un piccolo gruppo di immigrati, ansiosi per i loro documenti di identità per lasciare l’isola e continuare il loro viaggio verso l’Europa, ha creato disordini di breve durata e densità. Con l’intervento della polizia, e dopo che l’ordine si è stabilito, il processo di identificazione prosegue molto veloce ed i profughi partiranno dall’isola Venerdì 14 agosto 2015.

Vale la pena notare che l’incidente di cui sopra, che ha ricevuto una notevole pubblicità, è un episodio isolato, frammentato, in un punto geografico dell’isola limitato.
Questo punto è molto lontano dalle migliaia di turisti che trascorrono la loro vacanza estiva a Kos, in modo sicuro e con l’ospitalità unica degli abitanti.

L’identificazione dei rifugiati e dei migranti avviene in una posizione chiusa e non influenza in alcun modo la normale vita della Città.
Kos è e rimane la quarta destinazione turistica più popolare in Grecia e in attesa di accogliere i suoi amici.
Kos è una destinazione sicura.