Scheda informativa dell’Australia

Capitale: CANBERRA
Popolazione: 22.000.000
Superficie: 7.703.429 Km²
Fuso orario:
Rispetto all’Italia, da aprile a ottobre, durante l’ora legale estiva in Italia: +6 (Western Australia), +7.30 (Northern Territory, Southern Australia), +8 (ACT, NSW, Queensland, Tasmania, Victoria).
Da novembre a marzo, durante l’ora legale estiva in Australia (Quensland, Western Australia e Northern Territory non hanno ora legale): +7 (Western Australia), +8.30 (Northern Territory), +9 (Queensland), +9.30 (Southern Australia), +10 (ACT, NSW, Tasmania, Victoria). Lingue: inglese
Religioni: anglicana, cattolica ed altre confessioni cristiane. Sono presenti numerose comunità musulmane.
Moneta: Dollaro australiano
Prefisso per l’Italia: 001139
Prefisso dall’Italia: 0061

Telefonia: La rete cellulare è ottima nei centri urbani, raramente utilizzabile nelle zone interne (anche le regioni sudorientali del New South Wales e del Victoria sono coperte solo in parte). Gli operatori sono: Telstra, Optus, Virgin, Vodafone.

Clima: La grande estensione del paese, superiore a quella dell’intera Europa occidentale, presenta una notevole varietà di climi: il centro del Paese è desertico, mentre il nord (Queensland e Northern Territory) è subtropicale. La zona temperata è quella della costa sudorientale.
A Canberra il clima è temperato con quattro distinte stagioni; le temperature sono relativamente elevate nei mesi estivi (dicembre-febbraio) raggiungendo anche i (35 gradi), mentre nel periodo invernale (giugno-settembre) sono in media intorno ai (5 gradi). A Sydney il clima è mite, molto caldo ed umido d’estate (26-27 gradi la massima) e fresco d’inverno (8-10 gradi la minima).
Adelaide è simile a Sydney (7-8 gradi di minima in media) d’inverno e (28-29 gradi) d’estate. Melbourne è relativamente più fredda con una temperatura minima intorno ai (4-5 gradi) d’inverno e (26-27 gradi) d’estate. Al nord dell’Australia (Brisbane) il clima è subtropicale con temperature molto elevate ed un alto tasso di umidità nei mesi estivi e temperature relativamente più fresche nei mesi invernali, comprese tra i (15 – 26 gradi). A Perth il clima è molto caldo d’estate con temperature massime che superano facilmente i (40 gradi) ed inverni miti.


INFORMAZIONI GENERALI
Documentazione necessaria per l’accesso al Paese
Passaporto: necessario, in corso di validità. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
Visto d’ingresso: necessario. Il visto turistico si può ottenere via internet ed è denominato “e-visitor visa” (vedi sito http://www.immi.gov.au/visitors/tourist/evisitor/). Ha validità di 90 giorni. I cittadini italiani, di età inferiore ai 31 anni, hanno inoltre la possibilità di ottenere un visto per vacanze-lavoro della durata di dodici mesi.
Formalità valutarie e doganali: le norme sanitarie per l’ingresso di prodotti alimentari, piante, animali e loro derivati sono molto rigide.


SICUREZZA
L’Australia può essere definita in linea generale un Paese sicuro. La criminalità non desta grandi preoccupazioni, tuttavia nelle grandi città occorre adottare le comuni misure di prudenza. Vi è un generico rischio terrorismo a causa della partecipazione australiana nei conflitti in Afganistan e Iraq, anche se finora non sono stati registrati atti o tentativi di attentati terroristici e le autorità mantengono una discreta ma efficace azione di controllo su potenziali obiettivi e di contrasto contro possibili gruppi terroristici.
I pericoli sono connessi alla natura, alla fauna e al clima, anche a causa dell’estensione del Paese in gran parte desertico e alla presenza di numerosi animali ed insetti pericolosi. L’osservanza degli avvertimenti delle autorità locali è sufficiente ad evitare tali rischi.

Zone a rischio: l’ampia area di oltre 100.000 kmq nel South Australia, sede di esperimenti nucleari negli anni cinquanta: occorre rimanere unicamente sulla strada “Adelaide-Alice Springs”. Alcune riserve aborigene sono accessibili solo con un permesso speciale delle Autorità locali.

Zone di cautela: vanno evitate le spiagge non controllate dalle squadre di salvataggio. Occorre in ogni caso sempre attenersi alle indicazioni fornite dalle autorità presenti sulle spiagge.
È elevato il numero di bagnanti annegati in conseguenza delle forti correnti oceaniche che interessano l’intera costa australiana. E’ preferibile evitare di bagnarsi nei mesi più caldi dell’anno (dicembre-marzo) per la possibile presenza di meduse il cui contatto può talvolta avere anche effetti letali, soprattutto nelle zone tropicali del Territorio del Nord, Western Australia ma anche nelle zone centrali e meridionali. Il pericolo di squali si presenta su tutta la costa, soprattutto nel Queensland. Il pericolo di coccodrilli sulle spiagge del Nord Queensland.
Sussistono seri rischi per i turisti che intendano recarsi, per conto proprio, fuori dalle aree urbane del Queensland e del Northern Territories. Escursioni non guidate all’interno di questi territori sono assolutamente da sconsigliare per i pericoli rappresentati dagli immensi spazi e dall’imprevedibilità delle condizioni ambientali, soprattutto nel periodo tra ottobre e maggio, a meno di non muoversi in gruppo o con l’ausilio di guide locali autorizzate.

Avvertenze
Si consiglia di:

• fare uso di fuoristrada nelle strade non asfaltate e ove le condizioni ambientali sono avverse;
• preparare con grande cura le escursioni, contando su ampie provviste di cibo, acqua, benzina e pezzi di ricambio;
• comunicare alla stazione di polizia, prima di partire, il tragitto che s’intende percorrere;
• evitare di attraversare ponti inondati se non si è sicuri della profondità dell’acqua;
• non guidare in una nuvola di polvere e di attendere che si posi;
• prestare attenzione agli animali selvatici lungo la strada e, in caso d’incidente, non abbandonare per nessun motivo il veicolo.

Occorre prestare la massima prudenza sulle strade dei Territori del Nord, percorse dai “road trains” (autosnodati lunghi 50 metri).
Nei Territori del Nord i telefoni cellulari funzionano solo in alcune città (Darwin, Alice Springs, Katherine, Jabiru (Kakadu National Park), Yulara (Ayers Rock), Nhulunbuy e Tennant Creek.
Parchi Nazionali
È elevato il numero di turisti dispersi nei parchi nazionali del Queensland e del Northern Territory. E’ indispensabile che il turista informi sempre le autorità del Parco circa l’orario di partenza e quello del previsto rientro; è inoltre indispensabile che i turisti visitino i parchi nazionali con l’ausilio di una guida autorizzata o comunque, non si avventurino in luoghi isolati (sentieri, fiumi ecc.).

Sicurezza stradale
La guida è a sinistra. La rete stradale è in buone condizioni ma nelle zone interne sono frequenti strade non asfaltate. Anche nella parte più densamente popolata dell’Australia le distanze tra le città sono elevate e sono rari i distributori e i centri di servizio. Se si viaggia in auto, occorre viaggiare sempre con il serbatoio pieno e con una scorta di acqua. Grandissima attenzione va adottata se si ha intenzione di muoversi nelle zone più remote e desertiche.
Si sconsiglia di noleggiare autovetture per visitare le aree di particolare interesse turistico del Northern Territory (Ayers Rock ed Alice Springs) o le zone lontane da centri abitati, in quanto le strade sono particolarmente pericolose ed è elevato il numero di turisti deceduti a seguito di incidenti automobilistici. È preferibile affidarsi ad uno dei numerosi viaggi organizzati oppure muoversi in gruppo con un’adeguata e meticolosa preparazione.

Si fa presente che le assicurazioni automobilistiche australiane non prevedono il risarcimento danni a familiari di vittime di incidenti stradali. Gli incidenti più frequenti per i turisti avvengono nel corso delle escursioni fuori strada. Si raccomanda la massima prudenza a chi dovesse recarsi con l’automobile su spiagge o foreste.

Avvertenze
Non bisogna recarsi in spiagge isolate o non sorvegliate, campeggiarvi durante la notte, o bagnarsi in pochi centimetri d’acqua, per la possibile presenza di meduse, squali e coccodrilli (vedi “Zone di cautela”).

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droghe: la normativa federale australiana punisce severamente la detenzione, l’uso e lo spaccio di droghe di qualsiasi tipo.
Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: sono previste severe pene detentive.
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione), secondo la legge italiana, vengono perseguiti al rientro in Italia.
In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.


SANITÀ
Strutture sanitarie: L’assistenza sanitaria è di ottimo livello nelle aree urbane. Nelle aree rurali e in quelle più remote, invece, vi è scarsità di personale sanitario e le strutture ospedaliere sono poco affidabili.
Si ricorda inoltre che tra l’Italia e l’Australia esiste un accordo in materia di assistenza sanitaria che consente ai turisti italiani di beneficiare della assistenza sanitaria di base garantita ai cittadini australiani dal sistema pubblico del “Medicare”, per un periodo non superiore ai 180 giorni.
Malattie presenti: niente da segnalare.

Avvertenze: Non vi è nessun problema particolare di profilassi igienico-sanitaria.
Si fa notare che il limite dei 180 giorni di copertura sanitaria pubblica vale anche per chi si reca in Australia con il “Working Holiday Visa”: ogni ricorso a strutture ospedaliere o assistenza medica dopo i 180 giorni dall’arrivo in Australia deve essere pagato direttamente dall’interessato, ed i costi sono molto elevati.
A causa dei numerosi casi di incidenti avvenuti dopo la scadenza del periodo di 180 giorni, si rende quindi assolutamente necessario stipulare un’assicurazione sanitaria che preveda oltre la copertura delle spese mediche anche specialistiche per tutta la durata della permanenza, ed anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese.

Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto per tutti i viaggiatori di età superiore ad un anno che entrino in Australia entro 6 giorni dall’aver soggiornato per una notte o più a lungo in un Paese a rischio di trasmissione della malattia, con esclusione delle isole Galapagos e limitatamente alla Provincia di Misiones in Argentina.


VIABILITÀ (a cura dell’ACI)
Patente
Patente internazionale ( modello Convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968) . Per noleggiare un’autovettura occorre avere almeno 21 anni ed essere in possesso della patente di guida da almeno 12 mesi.

Assicurazione auto
Assicurazione minima obbligatoria: Un visitatore deve stipulare un’assicurazione per RC verso terzi nello stato o nel territorio dove è sbarcato.

Assicurazioni estere accettate: nessuna.
Un visitatore che importa un veicolo, dovrebbe chiedere alla sua compagnia d’assicurazione di contrattare una polizza con una compagnia corrispondente in Australia. Se ciò non può essere fatto, viene raccomandato di farsi dare dalla propria assicurazione un certificato con i dettagli della propria polizza, cosa che faciliterà l’ottenimento di una polizza in Australia. Possono esserci difficoltà se il visitatore importa un veicolo di marca sconosciuta in Australia.

Documenti doganali
È obbligatorio il “carnet di passaggio in dogana” per veicoli importati temporaneamente.
Norme di guida
Da osservare con attenzione le norme relative alla conduzione di automezzi specie per quanto riguarda i limiti di velocità ed il consumo di bevande alcoliche. Circolazione a sinistra, sorpasso a destra.

Equipaggiamento obbligatorio
Casco di protezione per motociclisti: obbligatorio.
Cinture di sicurezza, seggiolino per bambini: Obbligatorio indossare le cinture in ogni posto che ne sia provvisto. La regolamentazione riguardante il seggiolino varia da regione a regione, ma in generale un sistema di ritenuta adattato alla taglia del minore è richiesto ovunque.

Luci: di notte le luci di posizione devono in genere essere sempre accese, a meno che il veicolo non sia ben visibile grazie all’illuminazione stradale.

Tasso alcolemico
Limite consentito:

rispettivamente: conducente esperto, principiante
Nuovo Galles del sud 0,05%; 0,00%
Queensland 0,05%; 0,00%
Australia Meridionale 0,05%; 0,00%
Tasmania 0,05%; 0,00%
Victoria 0,05%; 0,00%
Australia Occidentale 0,05%; 0,00%
Territorio della Capitale 0,05%; 0,00%
Territorio del Nord 0,05%; 0,00%

Test di rilevamento
In tutti gli stati e territori un conducente può essere fermato senza particolari ragioni per essere sottoposto ad un test dell’alito. In caso d’incidente, un test viene quasi sempre effettuato. Qualora il limite di 0,05% venga superato, il conducente viene accompagnato al più vicino posto di polizia ed il veicolo lasciato parcheggiato.

Equipaggiamento invernale:
Vietati gli pneumatici chiodati, obbligo catene su strade di montagna in caso di neve.
Trasporti: molto sviluppati i collegamenti aerei sia nazionali che internazionali da tutti i principali aeroporti del Paese. Dal settembre 2003 sono stati soppressi i voli diretti della compagnia di bandiera australiana (Qantas) per l’Italia. I collegamenti con l’Europa sono garantiti da diverse compagnie sia europee che asiatiche tra cui British Airways, Cathay Pacific, Singapore Airlines, Thai e Japan Airlines.
Limitati i collegamenti stradali e ferroviari, soprattutto nell’entroterra. L’aereo è il mezzo di trasporto più usato per spostarsi da un lato all’altro del paese, ma i prezzi sono relativamente alti.

Fonte:www.viaggiaresicuri.it